NUOVA CHARTER POLICY DETERMINATA DA EMERGENZA SANITARIA CORONAVIRUS

Riteniamo corretto dare massima attenzione alle esitazioni e alle preoccupazioni di chi desidera trascorrere in barca le proprie vacanze in un momento condizionato dall’emergenza sanitaria che tutti ci coinvolge.
Abbiamo dunque pensato e messo in atto una procedura che consenta di riprogrammare la propria crociera qualora impedimenti di forza maggiore, legati all’epidemia globale di coronavirus COVID19, ne determino la cancellazione.

 Continueremo a monitorare la situazione e ciò potrebbe comportare una modifica della politica di seguito.

Assicurazione COVID-19

La sottoscrizione è facile e veloce e 100% online

Vi invitiamo a cliccare questo link, in fondo alla pagina troverete i contatti diretti dell’assicurazione per richiedere tutte le informazioni

Oltre a coprire le spese di annullamento del noleggio dovute contrattualmente, l’Assicurazione Cancellazione Viaggio copre anche le spese del viaggio di andata e di ritorno (biglietto del treno o dell’aereo per esempio).

La nostra copertura non ha alcuna esclusione specifica per il Covid-19! 

link

NEL CASO IN CUI

i noleggiatori non saranno in grado di raggiungere la destinazione di imbarco per motivi documentabili di chiusura delle frontiere o cancellazione totale dei voli, il tutto esclusivamente a causa della diffusione del Coronavirus (COVID-19)




I noleggiatori avranno la possibilità di spostare le date del loro charter  entro la fine della stessa stagione, in un periodo diverso, oppure se questo non fosse possibile causa chiusura delle frontiere essi potranno riprogrammare la loro vacanza nella stagione successiva
(secondo disponibilità dell'imbarcazione prenotata).

Nessuna penale sarà dovuta, verranno trattenute solo 300 € di gestione pratica



Nel caso in cui, non fosse possibile effettuare il charter e si dovesse fare una riprogrammazione:

La nuova prenotazione sarà quotata alla tariffa del periodo scelto senza sconti.

Si dovrà pagare la differenza se la prenotazione sarà più costosa e non ci sarà rimborso se la prenotazione sarà meno costosa.

Se ci saranno adeguamenti IVA, questi saranno dovuti.


Non verranno considerati validi come impedimenti dovuti al COVID-19 e si applicheranno di conseguenza i normali termini di cancellazione i casi in cui:
il paese che si sta per visitare consenta l’ingresso, ma richieda un test negativo per Covid 19, che non si è in grado di fornire

sia richiesto un periodo di quarantena per entrare nel paese o per tornare nel paese di residenza

Queste politiche sono state pensate considerando la situazione ad oggi, in caso di nuove direttive da parte delle autorità competenti, verranno tempestivamente aggiornate.

Con un po’ di ottimismo che ci auguriamo fondato … auguriamo a tutti buon vento !